Il muro del Fanta Pianto – La legge di Murphy difficilmente sbaglia

Il muro del Fanta Pianto – La legge di Murphy difficilmente sbaglia

Torna il “Muro del Pianto”, un recap di tutto quello che non doveva succedere e invece è successo al fantacalcio, perché, come recita la legge di Murphy: “Se qualcosa può andar male, lo farà”.

Rivediamo i tre episodi fantacalcistici più clamorosi di questa giornata.

Il mistero dei positivi

desc img

Nell’ultimo mese, la variante Omicron ha purtroppo portato il tasso di contagiosità a livelli molto elevati e ogni società ha almeno 4-5 giocatori a settimana in quarantena. Questa situazione è una catastrofe anche per i fantallenatori, che si ritrovano all’ultimo momento senza giocatori e costretti all’inferiorità numerica. Altro punto a sfavore del nostro gioco, la maggior parte delle società non comunica i positivi e quindi, dovendo schierare la formazione anche 24 o 48 ore prima, bisogna “scommettere” sul fatto che tra questi non ci sia qualcuno della nostra fantarosa.

Tanti, troppi, rigori sbagliati

Biraghi: “Dispiace per il rigore sbagliato, se giocavamo come il Real Madrid…”

Sembra che i rigoristi designati (ma anche i loro sostituti) abbiano disimparato come si tira un rigore. Con gli ultimi errori di Biraghi e Joao Pedro siamo a 7 rigori sbagliati in tre giornate, più di due a giornata quindi, per la depressione dei fantallenatori che continuano a corroborare la tesi dell’università di Nottingham per cui questo gioco può mettere a rischio la salute mentale.

L’ecatombe di portieri

cragno-cagliari-image-gpo.jpg

In questo periodo ci sono da registrare anche le defezioni di alcuni estremi difensori che tra covid e infortuni non hanno potuto difendere i propri pali. Parliamo di Cragno, Audero, Romero e Dragowski (che al momento è recuperato, ma ha perso il posto dopo l’ultimo infortunio).

Si tratta di portieri di media-bassa classifica che hanno messo a dura prova le coronarie dei fantallenatori. Molti hanno puntato su due-tre di loro per risparmiare all’asta, senza quindi avere la loro riserva pronta e che, in questa giornata, ha comportato il giocare o con un portiere di una piccola incrociando le dita o addirittura il senza voto del proprio portiere.

Se aggiungiamo anche che due sostituti dei quattro sopracitati ha anche parato un rigore questa giornata, il pianto è completo!

Fabrizio Muscio

Appassionato di serie tv, hi-tech e sport. Ho avuto esperienze lavorative in grandi aziende come Sky Italia e Warner Bros a Roma. Pochi anni per essere definito vecchio, troppi anni per essere definito "Millenial"!