Nato nell’83 o quasi…

Nato nell’83 o quasi…

Faccio parte delle tante persone che sono nate nel 1983, precisamente a dicembre ma praticamente ero come se fossi dell’84, il destino ha scelto per me questa esistenza caratterizzata dal sembrare più piccolo dell’età che effettivamente avevo.

Man mano che invecchi fa davvero piacere che la gente ti ritenga più giovane di quello che in realtà sei, ma è stato quasi un incubo quando da maggiorenne mi prendevano per un adolescente! L’ago della bilancia pende sicuramente molto di più sui lati positivi di questa vicenda, a quasi 36 anni ho la fortuna di avere ancora tutti i capelli di cui pochissimi sono diventati bianchi (ma che aumentano di giorno in giorno!).

Quello che mostro esteticamente si è poi materializzato anche nella mia esperienza di vita, in quanto la maggior parte dei ragazzi della mia età hanno messo su famiglia e si sono stabilizzati nella nostra città o fuori. La mia home di Facebook pullula di matrimoni e gravidanze, ma io sono di quanto più lontano da questa realtà, sicuramente è una questione di scelte e, in alcuni casi, di incroci, di sliding doors, chissà come sarebbe stata la mia vita se avessi preso quel treno invece di perderlo…

Anche dal punto di vista lavorativo, molti ragazzi della mia età sono in una fase di transizione. Da adolescenti il mondo sembrava il nostro parco giochi e potevamo essere chi volevamo, adesso la crisi economica ci ha fatto diventare molto più cinici e le opportunità lavorative si sono ristrette al minimo sindacale. La scelta è tra inventarsi di sana pianta un’occupazione dove si è nati o espatriare per cercare una nuova “casa” dove poter dare un senso alla propria vita.

L’intento di questo blog-diario sarà questo, raccontare le mie esperienze per trovare un senso alla vita di tutti i giorni di ragazzi che sono troppo piccoli per essere definiti vecchi e troppo anziani per essere definiti “millenial”.

Commenta l'articolo

Fabrizio Muscio

Appassionato di serie tv, hi-tech e sport. Ho avuto esperienze lavorative in grandi aziende come Sky Italia e Warner Bros a Roma. Pochi anni per essere definito vecchio, troppi anni per essere definito "Millenial"!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *